Berzolla, trovati resti di ossa umane. Indaga la scientifica

07 Maggio 2016

20160507-142825.jpg

Resti di ossa umane trovati al Berzolla, l’ex officina locomotori nella zona della stazione di Piacenza. È il preoccupante rinvenimento effettuato questa mattina dalla polizia, nel corso di uno dei sopralluoghi che gli agenti effettuano regolarmente nella struttura di via dei Pisoni, che, come mostrato nei giorni scorsi anche dalle immagini di Telelibertà, è purtroppo diventata la dimora di sbandati e tossicodipendenti. Stando alle prime informazioni, i reperti trovati erano datati e sporchi di terriccio. L’impressione è che si tratti dei resti di un ossario, probabilmente militare, che non sono stati smaltiti correttamente. Sul posto anche la scientifica. I reperti – accanto ai quali sono stati rinvenuti dei bigliettini che saranno oggetto di indagini – sono stati portati all’obitorio di Piacenza, a disposizione della Procura. La polizia esclude che possa trattarsi di occultamento di un cadavere. Già in passato, erano state rinvenute tracce di ossa umane nell’area: a portarle alla luce sarebbero stati gli stessi frequentatori che avrebbero riutilizzato la stagnola che avvolgeva i resti, per riscaldarla durante l’assunzione di stupefacenti.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà