Ahmed vive nell’ex mercato di via Colombo: “Spacciatore per povertà”

Il 43enne di origini algerine ha raccontato la sua storia a Telelibertà.

01 Marzo 2017

“Con l’assegno di invalidità pari a 280 euro al mese ci vivo una settimana. Sono invalido al 65% a causa di un infortunio sul lavoro avvenuto nel 2013. Da allora non ho più trovato impiego. Ho sempre fatto il meccanico. Ora non posso più sollevare pesi oltre i cinque chili, ma sono disposto a lavorare anche di notte”. E’ la toccante testimonianza di un senzatetto a Telelibertà: Ahmed, nome di fantasia, ha 43 anni e origini algerine, vive a Piacenza dal 2004 e negli ultimi tempi ha trovato rifugio all’interno degli stabili dell’ex mercato ortofrutticolo di via Colombo, già noto per le occupazioni abusive.

“Qui siamo più di una decina, tra egiziani, tunisini ed africani”, racconta Ahmed, che spiega di non avere paura, perché la regola della convivenza è semplice: “Io lascio stare gli altri e gli altri lasciano stare me. Qui siamo senza corrente, la notte usiamo le candele. Per mangiare e lavarmi vado alla Caritas, quando faceva molto freddo la Croce Rossa ci ha portato le coperte”.

Ahmed ha anche confessato di aver spacciato droga, spinto dalla povertà: “E’ successo una volta sola e mi hanno arrestato. Il giudice mi ha lasciato andare, perché non avevo precedenti e per fortuna non mi hanno portato in carcere”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà