Maltempo e ghiaccio

Storico olmo di Lugagnano in pericolo, appello del sindaco. Fino a 200mila euro di danni per paese

15 dicembre 2017

Non sono solo i giovani ed esili alberi ad aver subito le violenze del peso del ghiaccio dei giorni scorsi. Anche chi di anni ne porta ben di più sulle fronde sta rischiando di soccombere e finire schiantato a terra. E’ lo storico olmo di Lugagnano, diventato pericolante e sul quale sono intervenuti ieri, giovedì 14 dicembre, i vigili del fuoco per cercare di salvarlo.

“Urge che la Regione approvi la richiesta di intervento inviata sulla base della perizia agronomica commissionata dal Comune”, ha ricordato il sindaco Jonathan Papamarenghi.

l Ieri è stata anche la giornata della conta dei danni. Ogni paese colpito ha inviato alla Regione una lista della spesa che va da 100 a 200mila euro, in media, per gli interventi di urgenza messi subito in atto, relativi alla pulizia delle strade invase dai rami e alberi caduti: 200mila euro a Rivergaro,  tra i 100 e i 200mila a Bobbio, 130 mila a Coli. In Val d’Arda la conta dei danni ammonta a 149mila a Lugagnano e almeno 90mila a Morfasso; cifre analoghe in Valnure, dove a Farini sono stati spesi 150mila euro e a Bettola circa 100mila.

A questi si aggiungono i 900mila auro spesi in tre giorni dalla Provincia per liberare almeno 25 strade di sua competenza.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE