Daspo per il papà della gara finita in rissa, due ragazzi fuori squadra

26 Marzo 2019

Un fatto “gravissimo e riprovevole che mi ha disgustato; saremo inflessibili nell’applicare il Daspo (il divieto di partecipazione a manifestazioni sportive, ndr) per i responsabili”. Sono le parole del questore Pietro Ostuni che ha commentato così la vicenda legata alla rissa con pugni e insulti di domenica a Bosco dei Santi (Mortizza) durante la partita di calcio giovanile tra LibertaSpes e Pallavicino, categoria allievi interprovinciali (16 anni). Gara sospesa dall’arbitro a dieci minuti dalla fine dopo che il papà di uno degli atleti della squadra parmense si era fiondato in campo per colpire con un pugno un giocatore di casa quando ormai la zuffa sembrava essersi placata.

“Come facciamo a chiedere disciplina ai nostri ragazzi se i primi a non dare l’esempio siamo proprio noi adulti? Lo sport ha valori forti, se non ci crediamo allora è meglio non praticarlo” ha detto ancora il questore.

IL SERVIZIO COMPLETO SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà