Ventotto anni dopo

Parenti e superstiti tornano al Brentei. “Una nuova targa in ricordo delle vittime”

23 luglio 2019

Piacenza non dimenticherà mai la tragedia del Brentei che il 17 luglio 1991 strappò prematuramente alla vita sei ragazzi e un seminarista: Andrea, Matteo, Francesco, Michele, Cinzia, Carla e Nuccio. Per ricordarli era stata posizionata una targa nel luogo in cui una slavina li travolse ma, a distanza di 28 anni, i nomi di Carla, Cinzia e Nuccio non si leggono più perché sole e neve hanno annerito la lastra di metallo.

Domenica scorsa parenti e amici dei ragazzi che hanno lasciato un vuoto incolmabile sono tornati tra quelle montagne. Giovanni Alberti che allora aveva 12 anni ha avuto l’idea di sostituire la targa danneggiata con una nuova. “È una targa piccola, ma per noi è un segno – spiega Alberti – una testimonianza, un ricordo affisso sulla montagna come lo è nei nostri cuori. Lì si è ossidato, dentro di noi no: per questo vogliamo sostituirla”.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE