Processo per stalking

“Mi ha schiacciato la testa contro il finestrino perché non gli mostravo il cellulare”

15 ottobre 2019

“Era convinto che lo tradissi e voleva a tutti costi vedere il mio telefono: io mi sono rifiutata e allora lui mi ha presa per il collo e mi ha schiacciato la testa contro il finestrino dell’auto”.
E’ uno dei passaggi più forti della deposizione resa ieri mattina in tribunale da una ragazza di 21 anni, vittima due anni fa di stalking e maltrattamenti da parte dell’allora fidanzato.

“Dopo qualche giorno si è mostrato dispiaciuto, piangeva, allora ho deciso di perdonarlo e abbiamo ricominciato. Ma poi ci sono stati altri fatti simili”, ha aggiunto, spiegando che la gelosia lo portava alle violenze fisiche e psicologiche, compresi pedinamenti e atteggiamenti ossessivi.

Soltanto nel settembre del 2018 la giovane si decise a denunciare l’ex, nel gennaio del 2019 il 27enne finì agli arresti domiciliari per un paio di settimane. Una volta tornato in libertà, gli è stato vietato di avvicinare la ragazza.

TUTTI I DETTAGLI SUL QUOTIDIANO LIBERTÀ IN EDICOLA

 

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE