Il virus mette in ginocchio il turismo piacentino: “Serve un sostegno economico”

27 Febbraio 2020

“Piacenza si trova a pieno titolo nella zona rossa delle ricadute economiche, in particolare per quanto riguarda il comparto turistico”. Da questa consapevolezza, quindi, l’assessore comunale al turismo Jonathan Papamarenghi ha partecipato a un incontro istituzionale convocato ieri mattina (mercoledì 26 febbraio) in Regione Emilia-Romagna in seguito all’allerta sanitaria del Coronavirus. “Oltre agli stop a teatri, musei e istituti culturali, questo periodo emergenziale sta mettendo a dura prova molte strutture ricettive. Gli albergatori hanno ricevuto parecchie disdette, e qualcuno di loro sta valutando la chiusura”.

Nel vertice di Bologna, l’assessore ha sottolineato alcuni provvedimenti più che mai necessari: “Servono misure di risarcimento economico per il nostro territorio ad oggi non contemplate dal decreto ministeriale, ma anche una massiccia opera di comunicazione per far sapere ai cittadini all’estero – in particolare al Nordest del mondo – che Piacenza può essere ancora una meta sicura e interessante”. Su quest’ultimo punto, Papamarenghi ha ottenuto un’importante promessa da parte della Regione: l’investimento di un milione e mezzo di euro in una campagna di promozione emiliano-romagnola per far ripartire il comparto turistico, compreso per l’appunto il contesto piacentino.

I rappresentanti della Giunta Bonaccini, probabilmente insieme a un amministratore della nostra città, si recheranno a Roma venerdì mattina per incontrare il ministro al turismo Dario Franceschini.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà