Con asta dei disegni

Tatuatori piacentini raccolgono seimila euro per l’ospedale

31 marzo 2020

Quindici tatuatori piacentini, insieme ad altrettanti colleghi provenienti da ogni parte d’Italia, hanno “prestato” la loro creatività a uno scopo nobile: devolvere risorse economiche a favore dell’ospedale di Piacenza per far fronte all’emergenza Coronavirus. L’iniziativa solidale ha superato ogni aspettativa: attraverso un’asta di illustrazioni e opere artistiche promossa sui social network per ventiquattr’ore consecutive, i disegnatori sono riusciti a raccogliere un bottino pari a 6.160 euro (più di 250 euro all’ora, una media niente male). «Lo abbiamo fatto col cuore», dicono i tatuatori coinvolti, ovvero gli studi Wip tattoo studio, Pmp, La perla nera, Da Cosa Nasce Cosa, Emersus atelier, Picti tattoo, Infrangibile tattoo shop, Wasabi tattoo, Skelterink tattoo, Adamantio, Dark Diamond tattoo, Now warrior, Blessed tattoo, Dirty Mind, Noir Body art e Dive tattoo. A queste attività di Piacenza e provincia se ne sono aggiunte tante altre situate in altre parti del Paese.

Seguendo l’hashtag Instagram #tatuatoriperpiacenza, oltre 40mila utenti hanno hanno visualizzato e partecipato all’asta. Solo pochi di loro, ovviamente, si sono aggiudicati i pezzi originali in palio: sculture, composizioni polimateriche, illustrazioni, dipinti, acquerelli, tavole di tatuaggio e scarpe decorate. I vincitori hanno effettuato direttamente un bonifico bancario sul conto corrente dell’ospedale di Piacenza, struttura sanitaria che sta portando avanti la dura battaglia contro il virus Covid-19. Le opere verranno spedite o consegnate di persona al termine dell’allerta sanitaria.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE