Diatriba

“In via Marinai d’Italia il Comune non si è mai tirato indietro”

9 luglio 2020

“Comprendiamo appieno il disagio e le legittime richieste dei residenti di via Marinai d’Italia, ma non possiamo in alcun modo accettare le accuse di indifferenza rivolte all’amministrazione comunale dal presidente del Comitato Rete – Case Popolari, con il quale abbiamo avuto diversi incontri di cui l’ultimo in videoconferenza, insieme all’assessore Mancioppi, non più tardi del 25 giugno scorso”.

La situazione della via del quartiere Peep – oggetto negli ultimi mesi di ripetuti incendi di natura probabilmente dolosa e sulla quale è recentemente intervenuto il comitato Rete lamentando il disinteresse da parte di Palazzo Mercanti – ha indotto gli assessori ai Servizi Sociali e alla Sicurezza, Federica Sgorbati e Luca Zandonella, ad intervenire al proposito, specificando che “non è mai venuta meno l’attenzione del Comune alla risoluzione dei problemi che riguardano la zona della Farnesiana e, in particolare, i complessi edilizi in questione. Abbiamo, infatti, valutato tutte le segnalazioni del Comitato – spiega il comunicato dell’amministrazione comunale – ,procedendo anche a interventi concreti e lungamente attesi”.

AUTO RIMOSSE – Il riferimento è all’ordinanza del sindaco Patrizia Barbieri che, secondo l’assessore Zandonella, ha permesso di mettere fine a una situazione di degrado definita “non più tollerabile”, portando alla rimozione di cinque auto abbandonate nei parcheggi sotterranei degli immobili di via Marinai d’Italia, ripetutamente oggetto di atti vandalici. “Due veicoli sono stati spostati dai proprietari dopo le contestazioni elevate dalla Polizia Municipale, mentre gli altri tre, a fronte del mancato riscontro da parte dei titolari, sono stati prelevati il 30 giugno e destinati alla demolizione, perché classificati come rifiuti ambientali”.

LE VERIFICHE – “Io stessa – aggiunge l’assessore Sgorbati – mi sono recata personalmente in via Marinai d’Italia nel pomeriggio del 25 giugno, dopo la riunione in videoconferenza con il presidente del Comitato, perché volevo rendermi conto delle urgenze da risolvere. Sono stata accolta da un gruppo di residenti, che in un costruttivo clima di collaborazione mi ha mostrato alcune criticità su cui ho immediatamente condiviso, con il direttore di Acer, la documentazione fotografica per le verifiche del caso. Insieme ai colleghi di Giunta, come ho spiegato proprio in quell’occasione agli abitanti, stiamo valutando il coinvolgimento dei volontari di cittadinanza attiva per favorire maggiore pulizia e decoro, ma occorrono alcune verifiche sulla fattibilità del progetto”.

“POLEMICHE FINI A SE STESSE” – “Spiace constatare – concludono Luca Zandonella e Federica Sgorbati – che il presidente del Comitato rilasci dichiarazioni che non rispondono al vero riguardo al dialogo con l’Amministrazione, pur avendo espresso, in occasione degli incontri avuti, riconoscenza e soddisfazione per l’attenzione ricevuta. Noi restiamo convinti che la polemica fine a se stessa non sia certo la strada da seguire per dare, ai residenti della Farnesiana e di via Marinai d’Italia, le risposte di cui necessitano”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE