Dal 4 dicembre in vigore il nuovo Dpcm. Conte: “Sarà un Natale diverso”. LE MISURE

03 Dicembre 2020

“Continueremo ad applicare il sistema con i colori applicati alle regioni. Un meccanismo che ci consente di dosare i nostri interventi su base territoriale. Le misure che adottiamo sono proporzionate al rischio effettivo delle singole regioni. L’RT è calato a 0,91 e sono calati anche i ricoveri: è ragionevole ritenere che in prossimità delle festività tutte le regioni saranno “gialle”.

Sono state le prime parole del premier Giuseppe Conte che nella serata di giovedì 3 dicembre, ha illustrato in conferenza stampa le principali novità legate al nuovo Dpcm che entrerà in vigore da venerdì 4 dicembre.

“Non possiamo abbassare la guardia e con l’arrivo delle festività: se affrontassimo questo periodo con le attuali misure applicate alle regioni “gialle”, si registrerebbe una nuova impennata. Dobbiamo scongiurare il rischio di una terza ondata a gennaio”.

E poi sono state riassunte le effettive misure: “Dal 21 dicembre al 6 gennaio sono vietati tutti gli spostamenti tra regioni e nei giorni 25, 26 dicembre e 1° gennaio non ci si potrà muovere dal proprio comune di residenza, se non per esigenze lavorative, di salute o gravi casi di necessità e infine per rientrare nella casa in cui si ha il domicilio o in cui si abita con continuità o periodicità”.

“Gli italiani che si recheranno all’estero, al rientro dovranno sottoporsi a quarantena e quest’ultima misura è prevista per i turisti che provengono dall’estero. Da domani e fino al 6 gennaio resteranno chiusi gli impianti sciistici e saranno sospese le crociere”.

E poi la scuola: “Dal 7 gennaio ricomincia la didattica in presenza nelle scuole superiore al 75%”.

Su cenoni e feste: “Non possiamo entrare nelle case degli italiani e imporre norme in materia, ma non possiamo che raccomandarci affinchè si utilizzi la massima cautela”.

Per negozi e centri commerciali: “Dal 4 dicembre al 6 gennaio, i negozi rimangono aperti sino alle 21. Dal 4 dicembre al 15 gennaio, nei festivi e pre-festivi, nei centri commerciali rimarranno aperti solo alimentari, tabacchi e farmacie”.

Conte ha illustrato anche la novità legata al cashless che introduce benefici per chi utilizza carte e pagamenti elettronici per l’acquisto di beni e servizi. Una misura che non sarà valida per l’e-commerce. Sarà sufficiente scaricare l’app Io sugli smartphone.

“Sarà un Natale diverso da tutti gli altri, ma non meno autentico” ha chiuso così la conferenza stampa il premier Conte.

TESTO DEL DECRETO

© Copyright 2021 Editoriale Libertà