Bilancio Metronotte: “31mila interventi e 43 assunzioni stabili, nonostante la crisi”

15 Dicembre 2020

In aumento gli interventi operativi: 31.755 nel 2020, il 31 percento in più rispetto allo scorso anno. In calo le disattenzioni dei cittadini: le chiavi dimenticate nelle serrature segnano un -24 percento. E poi il numero più incoraggiante, quello delle assunzioni: 43 nuovi dipendenti stabili, a fronte di 522 colloqui. È questo il bilancio 2020 dell’istituto di vigilanza privata Metronotte Piacenza, tracciato stamattina (15 dicembre) nella sede di via Caorsana. “In piena pandemia – sottolinea il titolare Giampaolo Zilocchi – il nostro servizio è riuscito a reinventarsi. Nei mesi di lockdown, infatti, le pattuglie hanno svolto 94 trasporti urgenti di medicinali, rivolti ai cittadini isolati nella propria abitazione. Il recapito di farmaci, così, è aumentato del 309 percento rispetto al passato”.

Nel corso del 2020, inoltre, la centrale operativa dell’istituto di vigilanza si è trovata a gestire 78.475 richieste (+22 percento). Le pattuglie disponibili sul campo sono diventate 70 (cioè tredici in più). In calo i ritrovamenti di automezzi rubati: dagli agenti di Metronotte ne sono stati individuati “solo” nove, il 25 percento in meno rispetto all’anno scorso. La previsione del fatturato 2020 si attesta oltre i 13 milioni di euro, con una crescita a doppia cifra rispetto al 2019, di cui circa un milione di euro di investimenti sul territorio in ricerca, sviluppo, tecnologie ed equipaggiamenti.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà