Ripulire Parco Anguissola: così Parkour Piacenza combatte degrado e inciviltà

21 Marzo 2021

“Rispetto e cura dei luoghi che frequentiamo sono alla base della nostra disciplina e filosofia”. Abbiamo riportato le parole dell’associazione “Parkour Piacenza” pochi giorni fa, raccontando il loro decennale. A stretto giro, i ragazzi forniscono una prova molto pratica dei loro intenti.

L’altro giorno hanno ripulito il Parco Anguissola di via Vitali/via Veneto, potenzialmente un piccolo scrigno incastonato tra case e palazzi di riguardo. “Avevamo deciso di tornare ad allenarci lì, ma ci siamo ritrovati in un luogo devastato. La fontana intasata e putrescente. Immondizia e plastica ovunque, bottiglie di vetro, cocci, spazzatura, cialde, tubetti di grasso con cui erano stati imbrattati i muretti”. Allora hanno radunato una squadra più numerosa. Non per andare a menarsi da qualche parte, ma per rimettere a nuovo il giardino e poterne godere ancora.

“Non è la prima volta che riavvitiamo una ringhiera o risaniamo un parchetto” raccontano. “Stavolta però abbiamo deciso di filmarci e pubblicare il video sui social. Non per essere ruffiani né per metterci in mostra. E non tanto per denunciare lo stato in cui versa la nostra città, piuttosto per dare concretamente il buon esempio soprattutto ai più giovani; ci seguono in tanti e ci sono ragazzi di 18-20 anni anche nel nostro gruppo. E’ una dichiarazione di intenti, dimostrare che se viviamo e sfruttiamo la città abbiamo anche il dovere di prendercene cura”.

IL SERVIZIO DI PIETRO CORVI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà