Intitolate a Carlo Baldini e a Giovanni Salvadè le palestre dell’ex Laboratorio Pontieri

03 Giugno 2021

Da oggi, giovedì 3 giugno, alla presenza del presidente della Provincia di Piacenza Patrizia Barbieri, della vicepresidente provinciale Paola Galvani, dal consigliere Sergio Bursi, del Prefetto di Piacenza Daniela Lupo e del delegato provinciale Coni di Piacenza Robert Gionelli, le nuove palestre nell’ex Laboratorio Pontieri di Piacenza sono dedicate alla memoria dei professori Carlo Baldini e Giovanni Salvadè.

“Ho accolto con favore – ha spiegato il presidente della Provincia, Patrizia Barbieri – la proposta di intitolare le nuove palestre dell’ex Laboratorio Pontieri a Carlo Baldini e Giovanni Salvadè, per la quale il Coni di Piacenza si è fatto interprete della richiesta avanzata dai famigliari di questi due apprezzati protagonisti dello sport e nel mondo scolastico piacentino. Mi fa particolarmente piacere che queste due importanti strutture, realizzate dalla Provincia, siano intitolate a Baldini e Salvadè, perché hanno saputo trasmettere ai giovani i valori di una sana etica sportiva, secondo la quale divertimento e benessere psico-fisico vanno anteposti all’agonismo fine a se stesso”.

La presidente della Provincia di Piacenza Patrizia Barbieri era accompagnata dalla vicepresidente e consigliere provinciale con delega all’Istruzione, Paola Galvani e dal consigliere provinciale con delega all’edilizia scolastica Sergio Bursi.

Presenti anche il dirigente scolastico del Liceo Gioia Mario Magnelli, il dirigente scolastico dell’I.T.C. Romagnosi Cristina Capra, il dirigente del Servizio Edilizia scolastica della Provincia di Piacenza Stefano Pozzoli, la referente Educazione Fisica dell’Ufficio Scolastico Provinciale Ada Guastoni, il professore di Educazione Fisica (e amico di Baldini e Salvadè) Tiziano Barboni, il geometra Gian Paolo Ultori (amico di Baldini), Giselda Valenti (moglie di Giovanni Salvadè) con la figlia Alessandra, Paolo e Paola Baldini (fratello e sorella di Carlo Baldini).

Hanno partecipato alla cerimonia, inoltre, il vice questore vicario di Piacenza Marina Festini, il comandante della compagnia dei Carabinieri di Piacenza cap. Giancarmine Carusone, il Comandante Guardia di Finanza col. Daniele Sanapo, il comandante del Polo Mantenimento Pesante Nord magg. gen. Sergio Santamaria e il ten. col. Massimo Nafisio del 2° Reggimento Genio Pontieri Piacenza.

Giovanni Salvadè (1934-2013)
Diplomato all’Isef di Milano e laureato in Pedagogia a Parma, il prof. Salvadè ha insegnato Educazione Fisica in diversi istituti scolastici piacentini prima di diventare Preside della Scuola Media Anna Frank, della Scuola Media Virgilio (Lugagnano) e del Liceo Volta (Castel San Giovanni). E’ stato membro del Consiglio Scolastico Provinciale e, per molti anni, Coordinatore di Educazione Fisica-Sport del Provveditorato agli Studi di Piacenza. E’ stato Presidente provinciale della Federazione Italiana Pallamano, della Federazione Italiana Baseball e componente del Consiglio del Centro Sportivo Italiano, collaborando attivamente con il CONI provinciale per le iniziative di promozione sportiva e di diffusione della pratica motoria nella scuola primaria. Cavaliere della Repubblica per meriti sportivi.

Carlo Baldini (1947-2019)
Diplomato all’Isef di Milano, il prof. Baldini ha insegnato Educazione Fisica in vari istituti scolastici fino al pensionamento, dopodiché si è dedicato alla ristorazione. Negli anni giovanili è stato un giocatore di pallavolo di livello nazionale; gavetta nelle squadre piacentine fino alla serie B e poi l’approdo alla serie A con Milano, Bergamo e con altre formazioni. Nello stesso periodo ha vestito più volte la maglia azzurra, grazie alle convocazioni collezionate con la Nazionale italiana Under 24 e Juniores di pallavolo. Alla fine degli anni ’70 ha iniziato la carriera di allenatore, guidando anche l’Opel Piacenza con cui ha sfiorato la promozione in serie A. Ha successivamente allenato altre squadre italiane di A2 e di A1. Nel 2000 è stato tra i fondatori della Copra Piacenza, società che dalla serie B è arrivata fino alla A1.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà