Gerbido, l’opposizione: “Nuova piazza non compensa i danni dell’area per camion”

05 Luglio 2021

La nuova piazza di Gerbido sarà sufficiente a bilanciare il disagio causato dal futuro maxi-posteggio per camion alle porte della frazione? Neanche un po’, secondo l’opposizione di palazzo Mercanti. Se n’è parlato oggi (5 luglio) in consiglio comunale a Piacenza. L’aula ha dato il via libera alla realizzazione di un’area con verde e giochi per bimbi tra via Leccacorvi e strada di Gerbido, a carico delle società private Tni Srl e Lampugnana Costruzioni Srl come condizione migliorativa del Borgoforte Truck Center. Ma non sono mancate le critiche della minoranza, espresse nei giorni scorsi anche dal comitato civico della frazione.

“Si tratta di un’opera richiesta da tempo dai residenti – interviene l’assessore alla urbanistica Erika Opizzi – come compensazione del nuovo parcheggio per tir nella zona”. In concreto, si prevede uno spazio verde, una piazzetta con pavimentazione autobloccante, un campo giochi per i bambini e qualche posto auto, su un’area complessiva di 1537 metri quadrati.

“L’estensione del futuro Borgoforte Truck Center corrisponde a una ventina di piazzette come quella progettata a Gerbido. Insomma, questa opera compensativa è ben inferiore al disagio rappresentato dal mega-posteggio per camion che sarà realizzato a due passi dalla frazione piacentina”, ribatte Luigi Rabuffi (Piacenza in Comune). Giulia Piroli (Pd) definisce la nuova piazza “un contentino, che non ripagherà i danni causati dall’intervento tanto impattante del Borgoforte Truck Center, un’area per mezzi pesanti di 190mila metri quadrati. Quantomeno – aggiunge l’esponente dem – la manutenzione dello spazio verde dovrebbe essere a carico dell’operatore privato che costruirà il parcheggio per camion, e non dell’amministrazione comunale”. Dalla maggioranza, pronta la replica di Gian Carlo Migli (Fratelli d’Italia): “Altroché contentino… A Gerbido e Mortizza, l’amministrazione comunale ha concluso una serie di opere che non si vedevano da tempo”.

IL COMITATO – Così interviene anche il comitato civico di Gerbido, Mortizza e Bosco dei Santi: “Il Borgoforte Truck Center sovraccaricherà via Leccacorvi con altri 3.500 veicoli pesanti e leggeri, peggiorando la viabilità per tutti gli abitanti delle frazioni. Tra le altre cose, servirebbe una rotonda all’incrocio di via Leccacorvi, una corsia d’immissione per i mezzi in entrata e uscita dal parcheggio e una pista ciclabile”. Ma il leghista Marco Montanari, sempre nel consiglio comunale di oggi, difende l’operato della giunta Barbieri: “La nuova piazzetta non ha costi per l’ente pubblico e migliora la viabilità della zona, mentre il Borgoforte Truck Center garantirà più ordine alla sosta dei mezzi pesanti in città”.

“Questi 1537 metri quadrati trasformati da terreno incolto a spazio aperto alla collettività rappresentano un arricchimento per il territorio – puntualizza Michele Giardino (gruppo misto) – ma, di certo, non una compensazione adeguata per il Borgoforte Truck Center”.

RONCAGLIA – Dall’assessore Opizzi, inoltre, l’annuncio di nuove opere di compensazione nella frazione di Roncaglia: “Ci saranno diversi interventi a carico dell’operatore privato Akno, cioè 145mila euro tra asfalti e copertura del canale e 250mila euro per la sistemazione della scuola”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà