Laboratorio a cielo aperto a Gerbido, Mortizza e Bosco dei Santi, grazie al Grest

06 Luglio 2021

Le frazioni di Gerbido, Mortizza e Bosco dei Santi si sono trasformate in un laboratorio a cielo aperto. Il merito va al grest organizzato da Umberto Venezia con la collaborazione di Sara Perini, sei animatori e del parroco don Giuseppe Sbuttoni. Dalla fine della scuola fino alla fine di giugno, per tre settimane, una trentina di bambini e ragazzi dai sei ai quattordici anni è stata coinvolta in diverse attività.

“Abbiamo proposto i classici giochi nei campi da fare con l’acqua e con la corda, il tiro alla fune e altre attività di questo tipo – spiega Venezia – a questo si sono aggiunti diversi laboratori creativi e le gite proposte due volte a settimana: siamo andati in giro in bicicletta a visitare l’argine del Po, il lago Verde, abbiamo fatto la pesca sportiva, siamo andati anche in una azienda del Parmense. E poi in giornata siamo andati su fino al parco provinciale del monte Moria, a Bedonia, a Castell’Arquato e al parco divertimenti di Leolandia”.

Ma non solo: da quest’anno infatti, oltre al grest, l’associazione “Noi di Gerbido, Mortizza e Bosco dei Santi” ha organizzato anche uno “spazio compiti” nella biblioteca inaugurata pochi mesi fa. Il progetto è partito all’inizio di luglio e andrò avanti fino alla fine: ogni pomeriggio per tre ore, i bambini e i ragazzi possono andare in biblioteca e fare i compiti con l’ausilio di un animatore, una persona adulta che sovrintenda le attività.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà