L’esasperazione dei residenti: “Giardini della Baia del Re usati come latrina”

08 Settembre 2021

Dovrebbe essere un polmone verde al centro di un contesto signorile, secondo chi ci abita invece (e che purtroppo ha smesso di frequentare l’area) è un’autentica “latrina a cielo aperto”.

Stiamo parlando dei giardini della Baia del Re a Piacenza: i residenti assicurano che il degrado in cui versa questa porzione di città ha raggiunto “livelli molto preoccupanti. Soprattutto in orari serali – proseguono – è ormai consuetudine trovare nascosti tra alberi e panchine gruppi di persone che, in barba a tutto e tutti, si comportano in maniera indecente, utilizzando i giardini come bagni pubblici ed espletando i loro bisogni incuranti delle persone presenti. Come se non bastasse, si lavano alla fontana installata nell’area di sgambamento e dormono a terra oppure sdraiati sulle panchine. Al mattino, quando si svegliano, abbandonano bottiglie di alcolici e sporcizia. Di tanto in tanto si assiste anche a qualche rissa. Episodi che hanno finito per stravolgere la vita quotidiana delle persone civili che vorrebbero usufruire di questo luogo”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà