Effetto green pass, 700 richieste di vaccino al giorno. Tamponi a Borgotrebbia

20 Settembre 2021

A Piacenza il green pass obbligatorio per tutti i lavoratori fa raddoppiare le richieste di vaccino anti-Covid. Dopo che il governo ha annunciato l’estensione del certificato verde a partire da metà ottobre, in queste ore l’Ausl sta registrando un forte aumento nelle prenotazioni delle prime dosi, che nei giorni scorsi sono passate da circa 400 a oltre 700 al giorno.

“Si apre anche lo scenario della terza dose – spiega Maria Grazia Brescia, medico del dipartimento di sanità pubblica – al via per i pazienti fragili, su convocazione. Il richiamo anti-Covid proseguirà poi per gli operatori sanitari che erano stati vaccinati all’inizio dell’anno”.

Sempre sul fronte della lotta al virus, stamattina – 20 settembre – l’Ausl ha avviato la centrale di tamponi in via Anguissola, nella zona di Borgotrebbia. “In questa postazione – specifica la responsabile Donatella Fava – è possibile effettuare fino a 400 test quotidiani, ma ovviamente l’organizzazione flessibile permette di incrementare i numeri”. Sono soprattutto gli studenti e il personale scolastico, in questa fase, a presentarsi – solo su appuntamento – nella centrale dei tamponi in auto: la ripresa delle lezioni in presenza, infatti, ha portato con sé i primi ordini di quarantena (e la conseguente didattica a distanza) per contatti con persone infette. “Ma la circolazione del virus riscontrata in ambito scolastico – rassicura Brescia – per ora resta stabile”. Venerdì, a livello locale, gli alunni in isolamento erano già 80.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà