Autismo, più autonomia domestica con il nuovo progetto “Casa Aut”

21 Ottobre 2021

Si chiama “Casa Aut” il nuovo progetto di Acer mirato a favorire sempre di più l’autonomia dei ragazzi affetti da spettro autistico. L’idea è quella di fornire degli strumenti, come cellulari, tablet e appositi occhiali per leggere dei Qrcode applicati su elettrodomestici e oggetti comuni che consentano un uso autonomo.

Il progetto, ideato dai ragazzi con la collaborazione di diverse realtà locali, sperimenta delle nuove tecnologie basate sulla realtà aumentata e si avvale anche dei sistemi di Cloud Computing e della comunicazione aumentativa alternativa (CAA): a presentarlo, in municipio, sono stati i promotori a cominciare dal manager di Urban Hub e Ceo di Univillage Andrea D’Amico fino al sindaco Patrizia Barbieri, alle presidenti dell’associazione “Oltre l’autismo” Maria Grazia Ballerini e della Matita Parlante Giuseppina Benzi, ai rappresentanti di Nordmeccanica, Acer, Gas Sales Energia e Corrado Cappa, direttore dell’Unità operativa Psichiatria di collegamento e Inclusione sociale dell’Ausl. Presente anche il cantante Elio, storico leader della band “Elio e le Storie Tese” che si è congratulato per il progetto.

L’iniziativa parte in via sperimentale nella sede di “Oltre l’autismo” e in uno degli alloggi Acer della Matita Parlante: complessivamente saranno 25 i ragazzi coinvolti.

 

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà