“Illuminare la Madonna su palazzo Gotico”. Ma un anno dopo lanterna ancora spenta

13 Novembre 2021

Era lo scorso Natale quando un gruppo di cittadini aveva chiesto di illuminare la statua della Madonna col Bambino collocata in una nicchia sul fronte principale di palazzo Gotico, per valorizzarne il senso storico e offrire un lume di speranza nel periodo festivo. Un anno dopo, però, la lanterna è ancora spenta: è una “paralisi” più burocratica che tecnica quella che blocca la riaccensione di questo simbolo (dimenticato) di Piacenza.

L’assessorato ai lavori pubblici aveva promesso di farsi carico dell’istanza, per adesso senza esito positivo. L’opera si trova al buio, e il motivo va ricercato nel collegamento della lampadina. A quanto pare, manca l’ok definitivo della Sovrintendenza per posizionare un nuovo filo elettrico. Ma il Comune ha presentato una richiesta formale, o non ancora? È possibile recuperare il cavo esistente, o va sostituito? Dagli uffici non arrivano risposte precise, se non: “Stiamo verificando”.

STORIA – La Madonna col Bambino di palazzo Gotico è una copia minuziosa della versione autentica esposta a palazzo Farnese per motivi conservativi. Il monumento nei musei civici risale alla metà del tredicesimo secolo ed è un’opera di “scuola antelamica”. Nel corso del tempo, la statua ha subito diversi traslochi, a partire dalla sede originale della chiesa di Santa Maria de Bigulis, fondata all’inizio del dodicesimo secolo in piazza Cavalli, nell’attuale piazzetta delle Grida. Poi nella basilica di San Francesco e, nel 1926, di nuovo sul Gotico. Ma nel 1988, a causa di alcuni restauri un po’ grossolani, la Madonna col Bambino fu danneggiata e trasferita a palazzo Farnese. Oggi in piazza Cavalli, dunque, c’è una fedele riproduzione ricca di curiosità.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2022 Editoriale Libertà