Bici elettriche e nuovi sentieri nei parchi Piacenziano e Trebbia: coinvolti 6 comuni

25 Marzo 2022

Nuovi percorsi “ad anello” da percorrere a piedi o in bicicletta per collegare sei comuni piacentini al Trebbia. Ma anche nuovi cartelli e percorsi didattici per valorizzare il territorio del Piacenziano, in Val d’Arda. I Parchi del Ducato sono pronti a investire oltre 340mila euro per potenziare le due principali aree protette della nostra provincia, il Parco regionale del Basso Trebbia e il Parco dello Stirone e del Piacenziano, al confine con Parma. Sono solo due dei sette progetti che l’ente di gestione ha finanziato nel programma d’investimento 2021-2023, sfruttando risorse regionali: l’intervento complessivo dei Parchi del Ducato ammonta a oltre un milione di euro e prevede interventi simili anche nel Parco dei Cento Laghi o nei parchi regionali Boschi di Carrega e Taro. Tra questi, anche l’acquisto di nuove biciclette elettriche per chi vuole visitare le zone protette.

Nella nostra provincia, l’intervento più rilevante – da 300mila euro – riguarda il potenziamento della rete ciclo-escursionistica e il ripristino della segnaletica nel Parco del Trebbia. Più precisamente, la proposta è quella di costruire una serie di itinerari – in parte percorsi chiusi, ad anello – dedicate a mountain bike, bici elettriche o semplici pedoni nei comuni di Calendasco, Rottofreno, Gragnano, Gazzola, Gossolengo e Rivergaro. Un sistema di circuiti, da realizzare dalla primavera del 2023, che serva a collegare i percorsi già esistenti (come la Ciclovia del Trebbia) con i paesi e le località di interesse turistico. In altre parole, l’intento è quello di riavvicinare la popolazione al sistema ambientale del Trebbia, recuperando il rapporto col fiume ma anche con i luoghi paesaggistici, storici e culturali dell’area.

ALTRI DETTAGLI SU LIBERTA’ NELL’ARTICOLO DI CRISTIAN BRUSAMONTI

© Copyright 2022 Editoriale Libertà