Due giorni di sfida di orienteering alla Perduca per gli scout di Cremona e Lodi

06 Maggio 2022

Si sono accampati di notte con la loro tenda nel “pratone” ai piedi della Pietra Perduca, nei pressi dell’area attrezzata per le feste degli Amici di Perduca e Donceto, anche se il meteo era tutt’altro che clemente. Ma un po’ di pioggia e vento non fa paura agli scout: nel weekend tra il 23 e il 25 aprile, una settantina di “camicie azzurre” provenienti da Cremona e Lodi hanno scelto le colline tra Coli e Travo per la loro gara di orienteering, la disciplina per imparare a muoversi e orientarsi in territori non conosciuti.
Per i gruppi scout lombardi, l’esperienza piacentina è stata la prima dopo due anni di Covid che ha cancellato la loro normalità. I ragazzi con i loro capi si sono ritrovati a Perino, nel piazzale all’ingresso del paese, e poi da lì si sono diretti con i loro grossi zaini verso la Pietra Perduca per l’allestimento del campo base con le tende e per il loro “challenge”, la sfida di orienteering della durata di due giorni. Una gara tra boschi e sentieri non così facile per le condizioni meteo difficili: ma grazie alla loro tenacia, all’impegno dei capi scout e anche grazie al supporto logistico degli Amici di Perduca che ha messo a disposizione le sue strutture fisse, i due giorni sono filati lisci nel segno della competizione e della solidarietà. La prova è terminata nella giornata di domenica, a mezzogiorno, quando i ragazzi si sono presentati finalmente all’arrivo tutti infangati ma felici. L’evento non è passato inosservato per il viavai tra i sentieri della valle e serve a suo modo a far conoscere la Val Trebbia. Insomma, ci sono già tutti i presupposti per una riconferma del Challenge nel 2023.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà