“Uffici giudiziari chiusi, emergenza a Piacenza”. L’allarme degli Ordini forensi

26 Agosto 2022

L’Unione regionale dei consigli degli ordini forensi dell’Emilia-Romagna segnala una “situazione di assoluta emergenza operativa che da tempo affligge gli uffici giudiziari di Piacenza, per le note carenze nell’organico della magistratura e del personale amministrativo”. Problemi all’origine di un ordine di servizio del 25 luglio con cui il procuratore ha chiuso agli utenti del front office e della visualizzazione dei procedimenti dal primo al 15 agosto e dell’ufficio dibattimento e giudici di pace dall’9 al 26 agosto.

“A nulla serviranno le riforme in corso nel processo civile e penale senza contestuali interventi sull’organizzazione degli uffici e sulla dotazione di personale, idonei a rispondere con celerità e efficienza alle domande dell’utenza”, prosegue l’Unione che chiede “un efficace e costruttivo confronto tra tutti i protagonisti della giurisdizione” affinché “si trovino le soluzioni migliori e più idonee a garantire l’effettiva fruizione della giustizia, a tutela dei diritti costituzionali dei cittadini”.

E le prospettive future appaiono tutt’altro che rosee: a livello locale – e non solo – il problema è ormai cronico. Nelle scorse settimane gli avvocati penalisti avevano dichiarato lo stato di agitazione, “ma per ora i nostri solleciti non hanno raccolto soluzioni o rassicurazioni concrete”, spiega l’avvocato Elena Del Forno, presidente della Camera penale piacentina. “La situazione – aggiunge – è grave e inaccettabile”.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2023 Editoriale Libertà