Federalberghi, la presidente Cella: “Per i rincari costretti ad aumentare le tariffe”

01 Settembre 2022

Lo scorso 29 agosto il presidente nazionale di Federalberghi, Bernabò Bocca, in una nota stampa nazionale, ha chiesto “interventi urgenti a favore degli albergatori per calmierare subito i prezzi dell’energia e promuovere l’utilizzo delle energie rinnovabili”.

Anche nel Piacentino la categoria degli albergatori si interroga su quello che potrà accadere nei prossimi mesi. Sul delicato tema, che pesa sempre di più sulla gestione quotidiana delle aziende (soprattutto in relazione alla situazione futura dei prossimi mesi), è intervenuta Ludovica Cella, presidente provinciale di Federalberghi.

“Sinora gli alberghi – spiega – hanno cercato di resistere limitando il più possibile l’aumento delle tariffe facendosi carico di costi sempre più ingerenti. Questa situazione però non è più sostenibile nel medio lungo periodo. Gli albergatori di Piacenza e provincia, che rappresento, guardano con preoccupazione a quel che potrà accadere nei prossimi mesi, con il prezzo dell’energia che continua a crescere e le condizioni generali del mercato a dir poco incerte, tra inflazione galoppante e avvisaglie di recessione”.

Continua la presidente Cella: “Questa allarmante situazione non può essere sostenuta da noi operatori ancora per molto. Per far quadrare i conti saremo costretti ad aumentare le nostre tariffe. Tale incremento si riverserà ancora una volta sulle aziende visto che la clientela della nostra città è prevalentemente di tipo business. Aziende che, tra gli altri oneri, già sostengono il costo della tassa di soggiorno. Auspichiamo vivamente non vada incontro anch’essa ad un rincaro. Fortunatamente da anni la nostra categoria ha in essere una convenzione con Gas Sales Energia, società territoriale convenzionata con Confcommercio Piacenza, che ci garantisce la trasparenza dei costi e ci supporta nei momenti di difficoltà. Mi auguro che, anche in questo drammatico momento, possa continuare a farlo”.

La Presidente Cella conclude ricordando “che servono misure urgenti per tutte le imprese e non solo per i cosiddetti settori energivori, per contrastare il continuo lievitare del costo dell’energia. Le bollette degli alberghi italiani hanno raggiunto livelli record che aumentano con una progressione geometrica e per questo la situazione non è più sostenibile”.

© Copyright 2023 Editoriale Libertà