CRI Piacenza: nuovo gazebo da Lions Club Gotico. Veicolo in più per l’Unità Cinofila

06 Novembre 2022

La sezione di Piacenza della Croce Rossa ha da oggi un nuovo gazebo donato da Lions Club Gotico e un veicolo in più per l’Unità Cinofila. La presentazione è avvenuta domenica 6 novembre in piazza Sant’Antonino.

“Un’importante donazione che ci hanno consegnato i Lions – spiega Alessandro Guidotti, Presidente Provinciale di Piacenza della Croce Rossa Italiana -. Verrà impiegato sia su attività di protezione civile che in ambiti istituzionali: un ulteriore tassello al materiale che abbiamo a disposizione per operare sempre meglio a favore della collettività”.

“Noi siamo sempre disponibili ad aiutare a chi fa del bene e chi ha bisogno. È la nostra missione – afferma Maria Grazia Regalli, Presidente del Lions Club Piacenza Gotico -. Lo abbiamo fatto e lo facciamo nelle emergenze (come avvenuto per la regione Marche). L’intento è sempre quello di fornire direttamente un bene che serve: in questo caso si tratta di un gazebo, ma ci siamo spesi, in altri frangenti, ad esempio per fornire cani guida e per regalare bastoni elettronici per persone ipovedenti. Dove c’è bisogno i Lions ci sono, qui così come in tutto il mondo”.

“Ringrazio il Lions Club Piacenza Gotico – spiega Michele Gorrini, coordinatore della Sede di Piacenza della Croce Rossa -. Si tratta di una struttura polivalente, che occupa un’area di dodici metri quadrati, e che è di grande importanza perché la potremo utilizzare in diversi ambiti: la sua praticità e maneggevolezza la rendono adatta ad essere montata in una manciata di minuti su scenari di emergenza, così come verrà utilizzata a supporto delle attività del nostro Nucleo Opsa (Operatori polivalenti di salvataggio in acqua, specializzati nel soccorso in ambiente acquatico), oltre che attività di promozione dell’Associazione, fino agli interventi o all’addestramento del Nucleo Cinofili”.

“Da oggi è finalmente operativo il Fiat Ducato che va ad implementare il parco mezzi del Nucleo Cinofili della CRI di Piacenza – prosegue Michele Gorrini – che è formato da una dozzina di operatori. Per loro questo pulmino (che abbiamo riadattato attingendo a fondi del Comitato CRI di Piacenza) va a costituire un secondo mezzo operativo, dotato di tre gabbie per il trasporto in sicurezza di altrettanti cani oltre che di strumenti e attrezzature a supporto delle eventuali attività di ricerca in quanto, ricordiamolo, si tratta di un Nucleo regionale che ha competenze territoriali molto ampie è pronto ad essere chiamato ad intervenire su scenari diversi”.

© Copyright 2023 Editoriale Libertà