Società canottieri

Sanificazione e dispositivi di sicurezza: la Vittorino si prepara a ripartire

26 aprile 2020

In attesa di conoscere i contenuti e le date relative alla cosiddetta “fase 2”, la Società canottieri Vittorino da Feltre si prepara per la tanto attesa ripartenza delle attività sportive e ricreative. A distanza di oltre due mesi dalla data di chiusura, conseguente all’emergenza Coronavirus, alla sede della società biancorossa presieduta da Roberto Pizzamiglio stanno infatti per ripartire i lavori di manutenzione e di ripristino delle aree verdi, delle varie strutture sportive e di tutti i locali destinati ad accogliere e ad ospitare l’attività ricreativa dei soci.

L’obiettivo fissato dal consiglio direttivo della Vittorino in una recente riunione svoltasi ovviamente in videoconferenza, è quello di farsi trovare pronti, e nel pieno rispetto delle normative previste in tema di sicurezza e di tutela della salute, per il momento in cui verrà decisa la riapertura al pubblico degli impianti sportivi.

“Non è stato semplice – commenta il presidente biancorosso, Roberto Pizzamiglio – gestire questa difficile situazione che dura da oltre due mesi. Nonostante il fermo di tutti gli impianti sportivi e la chiusura della sede, abbiamo dovuto continuamente monitorare ed adeguarci ai numerosi decreti e alle ordinanze che sono state emanate. Il nostro consiglio direttivo, avendo seguito l’evoluzione di ciò che stava succedendo in Cina, ha subito compreso la gravità del momento e con grande senso di responsabilità, per tutelare la salute dei nostri soci e la sicurezza dei dipendenti, ha deciso la chiusura della società adeguandosi subito alle prime ordinanze restrittive”.

La Vittorino da Feltre è “off limits” dal 22 febbraio, primo giorno di sospensione delle manifestazioni sportive provinciali. Ma il conto alla rovescia per la ripartenza sembra ormai essere partito.

“Il Decreto emanato dal presidente del Consiglio la scorsa settimana – aggiunge Luca Bobbi, responsabile di sede della Vittorino – ci ha permesso di programmare interventi di manutenzione importanti sulle aree verdi, sui campi da tennis, sulla piscina, sulla palestra e sul campo da calcio. La società ha individuato una ditta piacentina altamente specializzata che, nei prossimi giorni, effettuerà un completo intervento di sanificazione di tutti gli impianti e di tutti i locali attraverso macchinari che prevedono l’utilizzo di sostanze igienizzanti con sali quaternari d’ammonio. E’ stato anche previsto un aumento dei turni di pulizia, in modo da garantire a tutti i soci, quando sarà possibile, un ritorno alla Vittorino nella massima sicurezza”.

Al fermo da oltre due mesi di tutta l’attività sportiva e ricreativa si aggiungono, quindi, i costi per interventi di sanificazione, adeguamenti normativi e dispositivi di protezione per i dipendenti.

“Questo periodo di chiusura e di inattività – conclude Pizzamiglio – inciderà negativamente sul bilancio della Vittorino, ma non andrà in alcun modo a ripercuotersi sui soci che hanno già dovuto rinunciare a due mesi di attività sportive e ricreative. Sono sicuro che presto la Vittorino tornerà ad essere un grande centro di aggregazione sociale e sportiva così come lo è stato fino a pochi mesi fa”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Piacenza Sport