Fine di un’era

Piace, i fratelli Gatti cedono le quote a Pighi. Resteranno come sponsor

5 giugno 2020

Non ci sono ancora stati annunci ufficiali, ma sembrano ormai non esserci più dubbi: l’era della famiglia Gatti al vertice del Piacenza Calcio può considerarsi chiusa. Dopo otto anni di gestione partita nel 2012 con la rilevazione del club ormai fallito e poi condotto fino ad un passo dalla serie B con la finale playoff persa a Trapani, Stefano e Marco Gatti pongono fine ad un capitolo importante della storia recente della squadra della città.

Stando alle notizie raccolte, i Gatti proseguirebbero il loro impegno in maniera defilata, indossando i panni di “semplici” sponsor ma senza la titolarità di quote societarie. A rilevare queste ultime, il larga parte (si parla del 95%) sarà Roberto Pighi che, da vicepresidente esecutivo, diverrà a tutti gli effetti il nuovo presidente. Una piccola quota sarà invece ad appannaggio del giovane direttore generale Marco Scianò che, nelle ultime settimane, ha assunto il controllo in maniera totale della gestione organizzativa, dando avvio ad una profonda opera di restyling. Il passaggio ufficiale delle quote sarà sancito nel tardo pomeriggio di venerdì 5 giugno di fronte a un notaio. Nel frattempo è già partita la ricerca di imprenditori da coinvolgere nel progetto: obiettivo, arrivare a una compagine societaria composta da più soggetti

Nelle scorse ore il club ha annunciato in via ufficiale l’ingaggio del nuovo direttore sportivo Simone Di Battista che da alcune settimane ha iniziato il lavoro di ricostruzione della squadra in vista della prossima stagione, concentrando le proprie attenzioni sull’individuazione del tecnico chiamato a sostituire Arnaldo Franzini. Nelle ultime ore sembrano in netto calo le possibilità di registrare l’arrivo di Alberto Gilardino, mentre salgono le quotazioni di Luciano Zauri, ex terzino di Lazio e Chievo.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Piacenza Sport

NOTIZIE CORRELATE