Zona Piace a tutto Pighi: “Salvezza emozionante, ora serve un aiuto concreto”

26 Aprile 2021

La salvezza è il primo passo di un progetto triennale. È così che i vertici del Piacenza hanno messo la chiosa al traguardo raggiunto, ai microfoni di Zona Calcio, ospiti il presidente Roberto Pighi, il vicepresidente Marco Polenghi e il consigliere Eugenio Rigolli. Festeggiamenti moderati per il momento, come ha detto Pighi: “Ieri ci sono stati momenti di commozione, quando siamo tornati abbiamo incontrato i tifosi per scambiare qualche parola”. Il bilancio stagionale è considerato positivo: “Siamo partiti con un progetto con molti giovani, con almeno tre in partenza, per generare introiti. Nel corso della stagione le cose sono cambiate, ricordo che Scazzola gioca con otto elementi che c’erano anche prima con Manzo, le scelte di Di Battista vanno riconosciute. E il problema non è stato l’allenatore, ci sono stati esperimenti troppo rischiosi”. Per quanto riguarda il futuro Pighi ha assicurato che “noi ci siamo presi la responsabilità di gestire il Piacenza, un bene pubblico, con Marco Scianò come architetto, con una politica sostenibile. Quando avremo notizie dal Comune affitteremo il Garilli e decideremo il budget, sicuramente non molleremo e rimarremo per il ciclo di tre anni. Ricordiamo che il Covid ci ha tolto molto in termini di ricavi. Un grazie ai soci, mi hanno accompagnato nella condivisione dei costi e questa è una bella soddisfazione, magari ne potessero arrivare altri come loro. Per quanto riguarda i giocatori, per ora non c’è nessuna richiesta e aspettiamo di vedere il posizionamento per il prossimo campionato. Nuovi soci? Zero. La partita più emozionante a Olbia”. La passione biancorossa ha preso sempre più Polenghi: “È stato un percorso molto emotivo, con momenti difficili, ma la società è rimasta unita grazie alla volontà dei soci dando fiducia a Scianò. Siamo abituati a non mollare, siamo stati bravi a non cedere. Oltre a Corbari, Marchi ha portato stabilità in difesa, e una parola va spesa anche per Stucchi, giovane che rappresenta una risorsa per il futuro”. Stesse sensazioni per Rigolli: “Il Piacenza ci ha fatto coinvolgere, un ambiente educato dove però la passione ti fa perdere qualche volta la testa. Errori commessi? Nessuno, solo di giovinezza, la fase delicata la abbiamo passata con coraggio, ringrazio comunque Manzo e Di Battista, abbiamo deciso il meglio per la salvezza che è la prima pietra del nostro progetto. Il ds? Marco Scianò ha la fiducia del presidente e di tutti”.

 

LA FOTOGALLERY DI CLAUDIO CAVALLI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà