Superlega, la Gas Sales parte male ma poi si ritrova e batte Milano 3-2 al tie-break

30 Ottobre 2021

Sbaglia tanto, commette diversi errori ma riesce sempre a trovare il bandolo della matassa, mostrando al tempo stesso sprazzi di assoluta qualità nei momenti che contano di più, al cospetto di una squadra giovane, talentuosa e che sicuramente farà vedere grandi cose.

La Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza batte al tie-brak 3-2 Allianz Milano e lo fa al termine di una partita (valida come anticipo della terza giornata di Superlega) molto combattuta, caratterizzata da diversi errori da una parte e dall’altra ma che conferma ancora una volta le grandissime potenzialità della squadra di coach Bernardi. Adesso testa a mercoledì sera, quando i piacentini sfideranno Modena al PalaPanini.

Piacenza partita malissimo nel primo set, annichilita da una Milano devastante a servizio e organizzatissima in difesa: la squadra di Piazza ha chiuso 16-25. I ragazzi di Bernardi iniziano a giocare veramente solo nel secondo set, che i piacentini si aggiudicano bene per 25-21, non prima di aver corretto difesa e ricezione. Terzo set molto combattuto e contraddistinto da tanti erroracci da una parte e dell’altra: Milano, addirittura, arriva a condure con 4 punti di vantaggio salvo poi dilapidarlo nel finale in favore dei padroni di casa, cinici e bravi a chiudere ai vantaggi 26-24. La Gas Sales, però, sciupa l’occasione di chiudere il match dimostrando nel quarto parziale di avere ancora molto da lavorare soprattutto dal punto di vista mentale. I biancorossi sbagliano tantissimo in attacco consentendo ai meneghini di andare al tie-break, che Piacenza ha saputo condurre alla grande chiudendo 15-5.

PRIMO SET – E’ Allianz Milano ad aggiudicarsi per 16-25 il primo set della sfida contro la Gas Sales Bluenergy Piacenza, terza giornata di Superlega. I ragazzi di Roberto Piazza danno vita ad una prima frazione spumeggiante, mettendo sotto sin dai primi scambi la formazione di casa e surclassandola in tutti i fondamentali. Piacenza si sveglia troppo tardi e inizia a giocare quando il set è ormai andato. Davvero super, invece, l’organizzazione muro-difesa-contrattacco della compagine meneghina. Milano partita molto determinata e subito capace, grazie al servizio devastante del giovane palleggiatore Paolo Porro e ad un’attentissima organizzazione difensiva, di portarsi avanti di parecchie lunghezze. Piacenza che invece non riesce a trovare soluzioni in attacco, con Bernardi che sotto 4-10 inserisce Antonov per Recine con l’obiettivo di dare una sferzata a questo avvio sottotono. Il servizio di Allianz continua ad essere spietato, Bernardi butta dentro anche Stern ma niente da fare, Piano e compagni dominano anche nella fase a muro conducendo 5-17. Alla fine entra anche il secondo palleggiatore Pujol, per variare la distribuzione di palla, con l’esperimento che dà i suoi frutti: Piacenza, nonostante il set sia ormai andato, entra finalmente in campo mettendo a segno qualche bel punto nel finale. Bene dunque Antonov, Pujol e Stern, subentrati e subito pronti. Il primo round si chiude 16-25.

SECONDO SET – Bernardi si ripresenta in campo nel secondo set con lo stesso sestetto iniziale della prima frazione: Recine e Rossard sulle bande, Holt e Cester al centro, Lagumdzija opposto, Brizard al palleggio e Scanferla libero. Il set è decisamente più combattuto rispetto all’assolo iniziale degli ospiti, anche se è Milano a condurre con Piacenza che comunque tiene il fiato sul collo agli avversari. Porro indovina aperture e parabole per i compagni, Patry e Chinenyeze buttano a terra palloni importanti, dall’altro lato della rete Piacenza si aggrappa al grande muro di Holt, tra i migliori in questo secondo set. Bernardi inserisce anche Catania per aumentare la precisione in ricezione: con il doppio libero in campo i piacentini trovano nuovi spunti di gioco, mostrando i grandi numeri che nelle prime due giornate hanno reso i biancorossi tra le formazioni più interessanti del campionato. La Gas Sales recupera e supera gli avversari, con la ricezione e la difesa sistemata Piacenza gioca alla grande e chiude 25-21.

TERZO SET – Il terzo set si apre ancora una volta nel segno di Piacenza, più incisiva in attacco e solida in difesa. La banda Bernardi spinge, Milano (non più pungente dai nove metri) fatica a organizzare la propria difesa, concedendo terreno ai padroni di casa. Piacenza commette però qualche errore di troppo in attacco, con Milano che si rifà sotto arrivando a condurre addirittura a +4 grazie a tre muri vincenti consecutivi, facilitati però da evidenti errori in attacco per Piacenza. Nel finale di set, però, Piacenza è perfetta nel ristabilire la parità sfruttando le tante amnesie offensive di Milano. Il set continua ad essere spettacolare e ricco di capovolgimenti di fronte sino all’epilogo finale che sorride a Piacenza: finisce 26-24.

QUARTO SET – Il quarto set non si apre nel migliore dei modi per Piacenza, che a poco a poco esce dal gioco commettendo tantissimi errori in tutte le fasi. Milano prende presto il largo, battendo forte con Patry. Bernardi mischia nuovamente le carte buttando in campo Russell e Caneschi, con quest’ultimo che al centro tiene in vita Piacenza, puntuale in attacco e presente a muro. Nonostante gli accorgimenti del coach biancorosso, Piacenza accorcia lo svantaggio ma non basta: il quarto set va a Milano che chiude 25-20.

LA FOTOGALLERY DI CLAUDIO CAVALLI

© Copyright 2022 Editoriale Libertà