Moschea di via Caorsana, auto vandalizzate. Alcuni fedeli: “Intimidazione”

01 Maggio 2021

C’è preoccupazione tra alcuni fedeli musulmani della moschea di Piacenza, dopo che nei giorni scorsi – al termine della preghiera serale per il Ramadan – hanno ritrovato sbriciolati i finestrini delle proprie auto. “Almeno cinque o sei mezzi sono stati colpiti. L’orario e il luogo non possono essere un caso: questo gesto è allarmante, anche perché niente è stato rubato”, spiegano. Non si è dunque trattato di un furto, ma di un vero e proprio raid vandalico. Da qui, il timore di qualche fedele musulmano: “Forse, qualcuno ha cercato di intimorirci perché infastidito dalla nostra preghiera? O dalla presenza di una moschea in città? Di certo, il luogo e l’orario non possono essere una coincidenza…”.

Yassine Baradai, presidente della comunità islamica di Piacenza, fa sapere che “il raid vandalico è stato segnalato alle forze dell’ordine e i proprietari delle auto danneggiate sono stati invitati a sporgere una denuncia formale. Purtroppo, non si tratta della prima azione teppistica di questo tipo contro i fedeli della moschea. Stavolta, va detto, in effetti non è stato rubato nulla. Non si può escludere, quindi, che il raid vandalico sia opera di una o più persone che non accettano il nostro luogo di culto. Non lo sappiamo, è difficile dirlo. Tutto può essere, qualsiasi motivo va preso in considerazione. Ad ogni modo, la comunità islamica di Piacenza non si allarma e va avanti”.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà