Consorzio Terrepadane

Operazione “Molino degli orti”, nuovo piano: “Meno supermercati, più sicurezza”

9 dicembre 2018

L’operazione Molino degli orti ha vissuto nei giorni scorsi una nuova, importante, svolta che potrebbe significare una accelerazione del percorso partito nel 2015: il consorzio agrario Terrepadane ha ridisegnato il piano, riducendo sensibilmente le aree destinate ad insediamenti commerciali e residenziali: 16mila metri quadrati in meno per cercare di superare le resistenze di parte della maggioranza consiliare. Una preoccupazione, quella di alcuni esponenti della Lega, giustificata da elementi di carattere generale rispetto ad un mercato, quello del commercio, considerato ormai saturo.

Come noto, l’area interessata dall’operazione va da Barriera Roma fino a lambire San Lazzaro. Una trasformazione che Marco Crotti, presidente del consorzio Terrepadane, ha particolarmente a cuore e che, “per la città, può significare un’importante trasformazione in una zona che rappresenta un biglietto da visita per chi arriva a Piacenza in treno o in autostrada”.

Il presidente, auspicando che l’opportunità possa trovare ora conforto nelle prossime decisioni di palazzo Mercanti, ha sottolineato l’ulteriore elemento di novità relativo alla sicurezza urbana: “Abbiamo affidato uno studio al Politecnico di Milano affinché si possa giungere al termine di un percorso che possa restituire ai cittadini un’area sicura sotto tutti i punti di vista. Una zona calda di Piacenza che potrebbe trovare vita nuova attraverso uno studio accurato e innovativo e che rispecchia le nuove necessità degli insediamenti urbani”.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Economia e Politica Piacenza

NOTIZIE CORRELATE