Il Fiorenzuola gioca solo un tempo, Simonti castiga i rossoneri

10 Ottobre 2021

Fotoservizio Claudio Cavalli

Un primo tempo da applausi, una ripresa grigia e priva di sussulti dopo il vantaggio di Simonti che si rivelerà gol-partita. Si arresta ancora la marcia del Fiorenzuola che, dopo il successo di prestigio con il Lecco, si arrende al Trento di mister Parlato al termine di una gara controversa in cui i rossoneri sciupano a più riprese il vantaggio nei primi 45 minuti giocati con grande sagacia e spavalderia, salvo poi pagare lo sforzo nel corso di un secondo tempo deludente.

Mister Tabbiani deve fare a meno di Bruschi, infortuanto a una caviglia e nemmeno convocato, al suo posto c’è Mamona, con Currarino a destra e Tommasini al centro dell’attacco. Conferma per capitan Guglieri sul versante mancino della difesa.

Avvio a rilento, caratterizzato da tanti errori di misura, ma intorno al quarto d’ora, ecco uscire i rossoneri: prima la splendida verticalizzazione di Nelli che spedisce in porta Tommasini che, a tu per tu con Cazzaro, si allarga troppo e non trova la porta in diagonale. Subito dopo, tentativo di Mamona da fuori: pallone deviato e sul fondo di un soffio. Dopo le fiammate del quarto d’ora, gara che è tornata su binari più equilibrati con il Trento che, al 26′, ha costruito un’opportunità dalle parti di Battaiola: cross da destra di Belcastro e colpo di testa assai maldestro di Pattarello che spedisce sul fondo il pallone da ottima posizione. Quando il Fiorenzuola si distende è un piacere per gli occhi. Come al 32′, quando un’azione avvolgente passata da destra a sinistra, ha condotto alla conclusione Mamona: destro di controbalzo e pallone fuori di pochissimo. Il primo tempo scivola via senza ulteriori emozioni, ma lasciando la sensazione che i ragazzi di Tabbiani potrebbero ambire al colpaccio.

E invece la sensazione è smentita in avvio di ripresa. Dopo la sostituzione forzata di Currarino, infortunato, con Godano, il Trento cresce e mantiene a distanza i rossoneri. E addirittura, al 16’, è vantaggio: Simonti, in diagonale, fredda Battaiola e griffa la rete che tramortisce i valdardesi. Non sortiscono effetto gli innumerevoli cambi operati da mister Tabbiani che prova a scuotere i suoi: la squadra di Parlato riesce a chiudere ogni varco e ad addormentare un match che, al contrario della prima frazione non produrrà emozioni.

Prossimo turno ancora lontano dal Comunale: domenica prossima trasferta proibitiva al “Nereo Rocco” per il confronto con la Triestina.

TRENTO-FIORENZUOLA 1-0
RETE:Simonti al 17′ s.t.
TRENTO (4-3-1-2): Cazzaro; Dionisi, Trainotti, Carini, Simonti; Belcastro (dal 9′ s.t. Nunes), Caporali, Izzillo (dal 16′ s.t. Lucci); Pasquato (dal 43′ s.t. Scorza); Pattarello, Barbuti (dall’8′ s.t. Galazzini). (Chiesa, Raggio, Lucci, Seno). All. Parlato.
FIORENZUOLA (4-3-3): Battaiola; Potop (dal 25′ s.t. Dimarco), Ferri, Cavalli, Guglieri (dal 29′ s.t. Danovaro); Nelli (dal 18′ s.t. Esposito), Zaccariello, Palmieri; Currarino (dal 1′ s.t. Godano), Tommasini, Mamona (dal 25′ s.t. Oneto). (Burigana, Olivera, Maffei, Giani, Arrondini, Varoli, Fiorini). All. Tabbiani
ARBITRO: Crezzini di Siena
NOTE Ammoniti Pattarello, Simonti, Nunes. Angoli 0-1.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà