Spartan Race, il Team Val Tidone conquista tre podi a San Felice Circeo

25 Novembre 2021

Quello appena trascorso è stato un weekend a dir poco spettacolare per lo Spartan Team Val Tidone, con diversi atleti piacentini di Spartan Race (massacrante disciplina che prevede una serie di gare a ostacoli di diversa distanza e difficoltà che vanno dalle 3 miglia alle distanze della maratona) impegnati nella tappa di San Felice Circeo (Latina).I ragazzi allenati da coach Matteo Cavallini hanno centrato tre risultati storici per il club di Pecorara, fucina di talenti in questo sport. Al primo posto nella 6 chilometri a 15 ostacoli categoria dai 18 ai 24 anni si è piazzato Ionut Lupu, capitano del team piacentino che – nonostante la giovane età – è tra gli atleti più vincenti a livello nazionale. Gradino più alto del podio anche per Greta Mars nella 6 chilometri a 15 ostacoli femminile, categoria dai 25 ai 29 anni. A chiudere questo fine settimana ricco di soddisfazioni ci ha pensato Benedetta Currenti nella 22 chilometri a 30 ostacoli, terza nella National Series, il campionato italiano di Spartan Race.

“Otre ad aver sfornato una grande prestazione – ha commentato il coach Matteo Cavallini – tutti i nostri ragazzi hanno ancora una volta dimostrato di avere una marcia in più. Il terzo posto di Benedetta Currenti ci rende particolarmente fieri: è frutto di un lavoro individuale pazzesco. Basti pensare che la nostra “Benny” si allena due volte al giorno, parallelamente alla sua attività di coach del settore giovanile, premiato l’anno scorso come il più numeroso d’Italia. Benedetta ha affrontato la sua maratona di 22 chilometri, tra ostacoli militari, salite, boschi, spiagge e persino diversi tratti a nuoto in  mare, con una determinazione che in pochi possono vantare. Il primo posto di Ionut nella 6 chilometri è invece frutto di rabbia agonistica pura. Una gara, la sua, dominata dall’inizio alla fine con il fuoco negli occhi, per ribadire ancora una volta che con lui non si scherza. Del primo posto di Greta posso solo dire che è strameritato: la ragazza possiede un talento innato per questo sport, vederla affrontare gli ostacoli con quella naturalezza è un davvero vero spettacolo. Ora non si deve accontentare: può ancora migliorare alcuni aspetti che potrebbero portarla addirittura a competere in gare internazionali”.

Infine, menzione particolare per altri due atleti del team Val Tidone: Markela Bello, 10° nella categoria 35-39 anni, e Roberto Minetti, atleta amputato che gareggia con una protesi alla gamba destra appositamente studiata per queste competizione giunto 20° nella categoria 30-34 anni. frutto di un lavoro e di una mentalità pazzesca calcolando che Roberto è un ragazzo amputato alla gamba dx che corre con una speciale protesi studiata apposta per queste competizioni.

“Lo Spartan Team – conclude Cavallini – si afferma ancora una volta tra le migliori squadre di tutta Italia ed un ringraziamento particolare va al Comune di Alta Val Tidone che ha sempre creduto nel mio progetto. Il nostro punto di forza? Il poterci allenare al campo Spartan di Pecorara ci consente di raggiungere risultati incredibili, dato che possiamo ricreare esattamente le situazioni che si trovano in queste estenuanti gare. La stagione appena conclusa mi ha fatto capire che i limiti e la paura spesso sono solo illusioni e quindi è inutile porseli. Puntiamo a vincere tutto”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà