Pressione arteriosa, a “rischio” decine di migliaia di piacentini

22 Maggio 2013

Giuseppe Crippa, responsabile unità operativa Ipertensione Ausl Piacenza

Si stima che nella provincia di Piacenza gli ipertesi a Piacenza possano essere poco meno di 80mila. Si tratta quindi di un fenomeno da non sottovalutare perché più alta è la pressione, maggiore è il rischio di malattie cardiovascolari.
Se circa 53mila piacentini sanno di avere valori che superano la massima di 140mmHg o la minima di 90mmHg, che sono i due valori di riferimento, altri 25mila circa non ne sono a conoscenza. Per questo è importante sensibilizzare la popolazione, soprattutto con l’aumentare dell’età, perché le persone misurino regolarmente la pressione. Nella maggioranza dei casi non produce disturbi e spesso i sintomi si presentano solo dopo molti anni, quando si sono già provocati danni all’organismo.
In questo contesto, l’unità operativa di Ipertensione della Medicina Eri dell’ospedale di Piacenza ha aderito anche quest’anno alla giornata mondiale contro l’ipertensione. L’obiettivo è quello di arrivare a lanciare un messaggio forte ai cittadini: “Ė necessario tenere controllata la pressione, soprattutto in presenza di fattori di rischio particolari (familiarità, eccessivo consumo di sale, sovrappeso, sedentarietà, uso di farmaci particolari e predisponenti)”.
Per questo personale medico e infermieristico dell’Ipertensione sarà presente sabato 25 maggio, sul Pubblico Passeggio (lato statua di Sant’Antonino) in una postazione allestita dalla Croce Rossa insieme a volontari dell’associazione per un controllo gratuito.
“Effettueremo – spiega Giuseppe Crippa, responsabile dell’unità operativa – tre tipi di misurazione. Una clinica, con metodi “tradizionali”. Un’altra automatica, con un sistema che permette anche di diagnosticare l’eventuale presenza di fibrillazione atriale. Infine, ove necessario, si effettueranno anche monitoraggi brevi con sei misurazioni di pressione nel tempo”.
Verrà inoltre effettuato uno screening degli atri fattori di rischio quali sovrappeso e obesità, fumo di tabacco, uso esagerato di sale e sedentarietà ecc. “Ai partecipanti – aggiunge Crippa – verranno forniti specifici e personalizzati counseling sulla dieta e le norme igieniche. È prevista anche la valutazione della glicemia: chi intende effettuare questo controllo deve presentarsi a digiuno dalla sera precedente.
I piacentini che vogliono cogliere questa opportunità anche per informarsi meglio sui fattori di rischio, la prevenzione e le terapie utili per combattere l’ipertensione, possono rivolgersi al postazione mobile dalle ore 8 alle 13 di sabato.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà