Calcio giovanile: tenta di strangolare l’arbitro, tre anni di squalifica

30 ottobre 2013

20131030-182016.jpg

Il tentativo, fortunatamente non riuscito, di strangolare il direttore di gara di Fontanellatese-Calcio Casalese di sabato scorso, è valso ad un dirigente della formazione ospite, ben tre anni di squalifica. S trattava di una gara valevole per l’ottava giornata del campionato Juniores regionale, dunque il torneo al quale prendono parte anche Fiorenzuola e Royale Fiore. Il dirigente cremonese, si legge all’interno del comunicato della Federazione, “a fine gara rivolgeva proteste ed insulti nei confronti dell’arbitro” alle quali, sempre secondo il referto arbitrale sarebbe seguita la vera e propria aggressione. L’uomo avrebbe stretto le mani al collo dell’arbitro “tanto da provocargli per qualche momento tosse e difficoltà respiratorie”. Il dirigente è stato inibito a svolgere qualsiasi attività legata alla Figc fino al 30 ottobre 2016.

 

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE