Sette mesi di carcere per l’uomo che picchiò due agenti e distrusse la volante

07 Luglio 2015

IMG_2772-1
“Mi dispiace molto per quello che è successo, mi rendo conto di aver trasceso, ma non ricordo bene quanto accaduto”. Ha detto queste parole un romeno trentottenne ieri davanti al giudice. Era accusato di aver aggredito e malmenato due agenti di Polizia (i quali avevano dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso) e di aver distrutto il lunotto posteriore della loro volante. E’ stato condannato ieri in tribunale con rito abbreviato a 7 mesi e 10 giorni di pena. Era accusato di resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale, danneggiamento e atti osceni per essersi denudato in strada. Il fatto era avvenuto nel corso della serata di sabato 27 giugno in via Rossi, nella zona di viale Dante. Il processo ha avuto luogo davanti al giudice Gianandrea Bussi. Il Pm era Monica Bubba. L’avvocato difensore Antonino Desi aveva chiesto ed ottenuto il rito abbreviato, condizionato all’audizione di due testimoni.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà