Racket della prostituzione, piacentino e nigeriana in manette

22 Luglio 2015

prostitute intervistate (1)

A oltre sei anni dalla conclusione di una maxi operazione della polizia che smantellò un’organizzazione criminale che gestiva la prostituzione di ragazze africane tra San Nicolò e Crema sono arrivati gli ultimi due arresti. Nelle scorse settimane, infatti, le condanne a carico di due imputati sono diventate definitive e sono scattate per loro le manette.
Il primo a essere arrestato è stato un uomo di 78 anni residente a Rottofreno, che dovrà scontare, compatibilmente con l’età e le condizioni di salute, 8 anni e sei mesi.
Nei giorni scorsi, poi, una donna di 46 anni, di origini nigeriane con cittadinanza italiana, è stata arrestata all’aeroporto di Francoforte mentre si stava imbarcando su un volo per Lagos: da anni si rifugiava nella zona di Colonia, deve scontare 4 anni, un mese e 17 giorni. Sul suo capo pendeva un mandato di cattura europeo, grazie all’ausilio dell’Interpol è stata fermata e portata a Piacenza. Ad eseguire entrambi gli arresti gli uomini della sezione Catturandi del Nucleo operativo del Reparto operativo dei carabinieri.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà