Decide di restare con la compagna: minacce dall’amante 29enne, condannata

23 Febbraio 2016

stalking

Sms con richieste continue e minacce, appostamenti sotto casa, scenate di gelosia. Una 29enne di origine marocchina è finita davanti al giudice con l’accusa di stalking nei confronti di un uomo piacentino e della compagna di lui: è stata condannata a sei mesi ma la difesa ha già annunciato che farà appello.

La vicenda vede coinvolta la 29enne che aveva avuto una relazione con il piacentino, dalla quale era nato un figlio. Ma quando l’uomo ha scelto di rimanere con l’attuale compagna, la 29enne ha iniziato a tormentare la coppia in svariati modi. Si faceva trovare sotto casa facendo scenate di gelosia e pregando l’uomo di rimanere con lei per risolvere la loro situazione, inviava messaggi e minacce e, in sostanza, faceva di tutto per trasformare in un incubo la vita della coppia piacentina. Per questo motivo, esasperato e non più disposto ad accettare la situazione, l’uomo aveva denunciato più volte la 29enne segnalando il suo fare aggressivo, fino a quando non è scattato l’arresto.

Ieri mattina è finita davanti al giudice, difesa dall’avvocato Piero Spalla. E’ stata condannata a sei mesi per atti persecutori nei confronti della compagna dell’uomo piacentino. È stata invece assolta con formula piena dall’accusa di stalking verso lo stesso uomo poiché è risultato che durante il periodo in cui sono comparse le minacce l’uomo e la marocchina continuavano comunque a vedersi e frequentarsi. La difesa, di fronte alla condanna, ha già annunciato l’intenzione di fare appello.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà