Stufo dei domiciliari, si rompe il naso ed evade chiedendo il carcere

28 Febbraio 2017

Esasperato dalla convivenza a casa del fratello, si rompe il naso andando a sbattere violentemente contro ad una porta e si presenta alla caserma dei carabinieri di San Nicolò chiedendo di essere arrestato e condotto in carcere. E’ successo ieri, lunedì 27 febbraio. Protagonista del singolare episodio un 27enne tunisino. L’evasione gli è costata effettivamente l’arresto, ma per lui sono stati nuovamente disposti i domiciliari.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà