Tragedia sfiorata a Castel San Giovanni

“Eravamo al bancone quando l’auto ha sfondato la vetrina e ha preso fuoco”. Denunciato 24enne per guida in stato di ebbrezza

20 ottobre 2018

“Ero al bancone del bar e parlavo con alcuni clienti, saremo stati sette o otto. Verso le 23.30 abbiamo sentito delle sgommate e poi all’improvviso un’auto ha sfondato la vetrina. Ci siamo spaventati e volevamo andare a vedere le condizioni del conducente ma nel giro di pochi secondi l’auto ha preso fuoco e siamo scappati”: è il drammatico racconto di Haiwei Hong, titolare del Caffè Grand’Italia di Corso Matteotti a Castel San Giovanni dove ieri sera, venerdì 19 ottobre, è stata sfiorata la tragedia. Nessuno fortunatamente è rimasto ferito, illesi anche il conducente della vettura e il passeggero che era con lui; i clienti del locale erano a pochi metri dal punto in cui l’auto ha distrutto la porta d’ingresso. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco che hanno domato l’incendio. Oggi il bar è chiuso, il titolare e la moglie sono impegnati nelle pulizie mentre gli imbianchini dipingono le pareti annerite dal fumo. L’odore acre è rimasto in tutto il locale. Alla guida dell’auto c’era un operaio borgonovese di 24 anni denunciato dai carabinieri per guida in stato di ebbrezza, il tasso alcolemico è risultato oltre due volte il limite consentito.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE