Ai domiciliari, l’incontro con una ragazza di 20 anni gli costa il carcere

20 Gennaio 2019

Agli arresti domiciliari e quindi impossibilitato ad incontrare persone al di fuori di familiari conviventi, è sorpreso nella propria residenza con una ragazza di vent’anni, per giunta coinvolta nell’identica inchiesta che aveva condotto agli arresti l’uomo. Si tratta di un 22enne di Castel San Giovanni che era stato coinvolto nella operazione “Nahash” e che aveva interessato ben dodici malviventi legati al mondo dello spaccio. Tra questi anche una ventenne residente a Borgonovo che è stata sorpresa nell’abitazione del giovane. Per l’uomo si sono così aperte le porte del carcere di Piacenza.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà