Cortemaggiore si mobilita

Speranze per il “Piccolo museo della poesia”: si fa avanti un’associazione

9 agosto 2019

Tra i primi corteggiatori del “Piccolo museo della Poesia – Incolmabili Fenditure di Piacenza” c’è l’associazione “Ladri di fragole” di Cortemaggiore. Come riportato da Libertà e Telelibertà  la collezione di reperti poetici, composta da libri autografati, inediti, riviste letterarie e antologie in prima edizione, è pronta ad essere “regalata” dal proprietario Massimo Silvotti a un nuovo ente gestore, pubblico o privato, che sia intenzionato a “garantire una sede in comodato d’uso gratuito e un budget annuale di almeno 20mila euro per l’organizzazione di iniziative culturali”. La scelta di donare il “Piccolo museo della Poesia”, offrendo un diritto di prelazione alle realtà istituzionali del territorio piacentino, è scaturita in seguito agli eccessivi costi per l’affitto e per le spese d’utenza sostenuti in questi anni nell’attuale sede espositiva di via Pace.

Dopo l’annuncio di Silvotti, quindi, si è fatta avanti l’associazione di Cortemaggiore, che sarebbe disposta ad accogliere il museo nel paese, ipotizzando come sede il chiostro dei frati del Quattrocento. I “Ladri di fragole”, a tal proposito, vorrebbero coinvolgere più soggetti magiostrini, oltre a sondare la disponibilità dei Frati minori di Milano, titolari del chiostro. Pare che l’associazione abbia proposto di integrare le iniziative del museo con le attività già svolte durante l’anno e che troverebbero un’importante vetrina nel Fillmore Festival, evento musicale e culturale che si tiene ogni anno nella terza settimana di luglio.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE