Venti cani abbandonati a Natale: uno legato in piazza Sant’Antonino

02 Gennaio 2020

A Natale c’è chi decide di liberarsi degli amici più cari e fedeli, i propri cani. Solo durante queste vacanze sono stati ben 20, tra abbandoni e rinunce, gli animali finiti nel canile di via Bubba, a Piacenza. Alcuni di loro sono stati recuperati per strada, in pieno centro storico. Uno è stato addirittura legato a un palo in piazza Sant’Antonino. “Come in estate anche il peridio natalizio rappresenta il momento più difficile e delicato per noi operatori – spiega Elena Castelli, responsabile veterinario del canile – con questi nuovi arrivi superiamo i cento ospiti e la situazione è critica”.

Ma c’è un aspetto positivo e di novità: “Abbiamo avviato per la prima volta a Piacenza un progetto che faccia sentire i cani come a casa, per abituarli ad affrontare una normale vita domestica – spiega la veterinaria. Grazie a un’idea dell’educatore Marco Sanna alcuni locali della struttura sono stati trasformati per ricreare gli ambienti tipici di un appartamento. In una stanza sono stati collocati oggetti che fanno parte della quotidianità di una famiglia: un divano, un comodino, una sedia, una branda, giochi per bambini e addirittura l’aspirapolvere e il ventilatore, due oggetti che incutono sempre un certo timore negli animali. Poi c’è una saletta anche per i cuccioli. In questi ambienti i cani hanno la possibilità di prendere confidenza con un ambiente casalingo e con la vita quotidiana che dovranno affrontare una volta usciti– spiega Castelli – e questo percorso facilita l’adozione”.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà