Tragedia in via Gadolini, una delle due vittime era la figlia del console generale macedone

03 Febbraio 2020

Marija era originaria di Strumica, dopo la laurea aveva trovato lavoro all’Accademia Abc della città macedone. Era figlia del console generale della Macedonia Stojan Vitanov e, dopo aver abbracciato gli zii e i cugini a Piacenza, sarebbe dovuta ripartire tra poche ore per tornare a casa.

Metodij Vitanov era Todi, per tutti. “Passa la palla Todi!”, gli dicevano ai giardinetti, da bambino, dove arrivava in bici con la sua maglia del Milan, dalla casa all’Infrangibile. Poi Todi era cresciuto, era andato al “Casali”, ma il pallone sotto al braccio lo teneva anche da grande, pronto a fare una partita con gli amici. “Aveva sempre un sorriso buono”, dicono i colleghi di Todi, che faceva l’operaio nel quartiere logistico.

Sono le due vittime del terribile schianto di sabato notte in via Gadolini.

I SERVIZI COMPLETI SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà