Donati 5mila euro

L’emergenza non ferma la Festa del lavoro. Sindacati: “Dedicata agli operatori della sanità”. FOTO

1 maggio 2020

“Stiamo lottando per chi rischia il posto di lavoro causa emergenza coronavirus”. Durante la celebrazione del primo maggio, organizzata da Cgil, Cisl e Uil, e dedicata agli operatori impegnati in prima linea nella cura dei malati di covid-19, medici, infermieri, oss e addetti alla mensa e alle pulizie, si è parlato anche dello sforzo dei sindacati nell’assicurare sostegno economico a chi, in questo periodo, non sta lavorando e non lavorerà ancora per molto tempo.

“Stiamo lavorando per estendere gli ammortizzatori sociali di concerto con la Regione e il Governo per evitare anche che la crisi sanitaria non diventi crisi sociale” ha affermato Gianluca Zilocchi, segretario provinciale della Cgil. Dopo aver deposto una corona d’alloro nei pressi del monumento dei caduti sul lavoro e davanti al Dolmen sullo Stradone Farnese per ricordare le vittime della Resistenza, il corteo, composto anche dai rappresentanti dell’Anmil e della Prefettura, ha concluso il suo percorso davanti al pronto soccorso dell’ospedale di Piacenza dove è stato annunciato che le tre sigle sindacali doneranno 5000 euro a sostegno di un progetto di sanità territoriale.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE