Carro funebre bloccato dalla neve: “Colpa di chi non ha mai organizzato i lavori sulla strada”

06 Dicembre 2020

Neve, neve e ancora neve. Si vede solo bianco nelle alte valli. Addirittura al Passo del Penice non si riesce a scorgere la strada (completamente sepolta da una fitta coltre bianca), con tutti i disagi che ne conseguono.

Ieri, ad esempio, un carro funebre che doveva per forza arrampicarsi sulla strada alternativa al ponte crollato a Lenzino per garantire il triste servizio, si è girato su se stesso, proprio a causa delle condizioni della strada a Pieve di Montarsolo. Poco distante, c’era il sindaco-medico Federico Beccia che, stanco del percorso infinito, è sbottato: “Non si può andare avanti così. Ogni giorno i cittadini che percorrono la Statale 45 rischiano la pelle. Sono ventisei anni che percorro questa strada e sento solo promesse e chiacchiere. Non è colpa di chi dovrebbe tirar via la neve, o almeno intervenire, ma di chi non sa organizzare evidentemente i lavori sulla Statale 45 di Anas”. Il sindaco scuote la testa pure davanti al “Cantiere chiuso” per neve a ponte Lenzino.

I DETTAGLI NELL’ARTICOLO DI ELISA MALACALZA SUL QUOTIDIANO LIBERTÀ

© Copyright 2021 Editoriale Libertà