“Emergenza processionaria nel campo giochi della Besurica, pini invasi dai nidi”

12 Marzo 2021

A occhio nudo, nel campo giochi di via Ucelli di Nemi, si contano almeno dieci nidi su tre piante. Secondo alcuni residenti del quartiere Besurica, è una vera e propria “invasione di processionarie che si ripete ormai ogni anno”. Il parco pubblico è infatti invaso da questi pericolosi insetti che mettono a rischio l’incolumità di bambini e animali domestici. Non è la prima volta, purtroppo: “Da ormai tre anni – spiega Natascia Guarnieri – io e altri cittadini segnaliamo la presenza dei nidi nel campo giochi, frequentato da diverse famiglie e dalle persone a spasso con i propri cani. Eppure, ogni primavera, si ripete lo stesso problema”. Si tratta di bruchi che formano grossi bozzoli sui rami dei pini. In caso di contatto, possono scatenare reazioni allergiche, dermatiti, orticarie, congiuntiviti e anche danni alle vie respiratorie, o persino uno shock anafilattico e la morte.

Tra i padroni di animali domestici e i genitori dei bambini c’è molta preoccupazione. “Due anni fa, proprio in questo giardino pubblico preso d’assedio dalle processionarie – racconta Guarnieri – il mio cane è stato colpito da un bruco caduto dal bozzolo. È stato ricoverato in clinica e salvato per miracolo, la parte destra del muso era andata in cancrena. Oggi ha qualche problema alla vista”. È importante quindi essere in grado di riconoscere i nidi di processionaria, e soprattutto segnalarli alle autorità competenti per procedere alla bonifica.

L’assessore all’ambiente Paolo Mancioppi fa sapere che “i tecnici sono stati incaricati di delimitare l’area e procedere alla messa in sicurezza dei pini”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà