Mercati fermi, gli ambulanti: “Magazzini pieni di merce primaverile invenduta”

26 Marzo 2021

Nel magazzino dell’ambulante piacentino Adriano Anselmi ci sono scatoloni accatastati e buste strapiene di maglie, felpe e pantaloni: “E’ tutta la merce primaverile appena arrivata dai fornitori, che rischia di rimanere invenduta a causa dello stop ai mercati settimanali in zona rossa“. Il caso di Anselmi, presidente provinciale di Fiva (la federazione dei venditori ambulanti), è un esempio emblematico del periodo di crisi vissuto da tanti suoi colleghi di piazza. “Inevitabilmente – interviene il rappresentante della categoria – noi operatori avevamo pianificato l’acquisto dei capi d’abbigliamento per la stagione primaverile nei mesi scorsi. Ora la merce ci è stata consegnata, a fronte di importanti investimenti economici, ma i mercati sono fermi. Stavolta il danno è ancora più grave rispetto a un anno fa. E la ripresa, purtroppo, sembra lontana”.

Anselmi critica il provvedimento della zona rossa: “In fin dei conti – commenta il presidente di Fiva – la chiusura tocca i venditori d’abbigliamento e gli ambulanti, bloccando un’intera filiera, mentre tutte le altre attività sono aperte e la gente gira per la città senza grosse restrizioni. Così non ha senso”.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà