“L’ex deposito Zucca non si può demolire, possibile il recupero edilizio”

05 Luglio 2021

“In base alle norme in vigore quell’edificio non si può abbattere, ma va riqualificato”. Lo ha chiarito, nel consiglio comunale di oggi, l’assessore all’urbanistica Erika Opizzi, riferendosi all’ex deposito Zucca fra via Mazzini e via Sant’Eufemia, il vecchio magazzino di prodotti tropicali diventato oggi nido di piccioni e topi, tra crepe e saracinesche perforate. “Il Comune sta ragionando, insieme alla Regione, sulla possibilità di favorire un investimento del privato per il recupero edilizio dell’immobile”, ha aggiunto Opizzi.

Il dibattito è stato innescato da una mozione di Stefano Cugini (Pd), approvata dal consiglio comunale: “Chiediamo all’amministrazione comunale di confrontarsi con la proprietà privata per rimuovere il degrado e restituire questi spazi alla collettività”.

Da Sergio Dagnino (M5s) la proposta di “effettuare un censimento dei fabbricati abbandonati che necessitano un intervento di riqualificazione”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà