Monossido, ancora grave il giovane intossicato ieri sera. Un braciere causa della fuga

17 Dicembre 2021

E’ ricoverato in camera iperbarica all’ospedale di Fidenza in gravi condizioni il 33enne rimasto intossicato da una fuga di monossido di carbonio nella tarda serata di giovedì 16 dicembre in via Boscarelli a Piacenza. Si tratta di un pakistano, ritrovato riverso sul pavimento verso le 22.30 da due suoi coinquilini, al loro rientro a casa. Sul posto sono intervenute una ambulanza della Croce rossa e una della Pubblica assistenza di San Giorgio, oltre all’auto infermieristica. All’ingresso dei sanitari nel locale, i rilevatori di monossido hanno suonato all’impazzata, segnalando una forte concentrazione di gas. I sanitari si sono quindi precipitati ad aprire le finestre e a portare fuori l’intossicato, che è stato trasportato all’ospedale di Piacenza e subito trasferito d’urgenza all’ospedale di Fidenza. I due amici sono rimasti a loro volta intossicati in forma lieve, sono stati portati all’ospedale di Piacenza e dimessi questa mattina. All’origine della fuga di monossido ci sarebbe un braciere, utilizzato dal 33enne per scaldarsi. Su posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco che hanno provveduto ad arieggiare l’ambiente.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà