San Lazzaro, i residenti: “Dopo il cantiere passaggio impossibile per i disabili”

23 Settembre 2022

Prima e dopo: il marciapiede di via Emilia Parmense

Prima lo scivolo per sedie a rotelle e passeggini, adesso lo scalino. Di fatto, il marciapiede di via Emilia Parmense è diventato impraticabile per gli utenti deboli a causa di un’evidente barriera architettonica, frutto del recente cantiere del teleriscaldamento nei pressi della scuola elementare di San Lazzaro. “Come nelle altre strisce pedonali – spiega un abitante del quartiere – anche qui c’era un piccolo abbassamento dell’asfalto che permetteva alle persone in carrozzina e alle mamme con i passeggini di scendere o salire sul marciapiede senza difficoltà. Ora non è più possibile”.

A farsi portavoce del problema è anche il consigliere comunale di opposizione Massimo Trespidi (civica Barbieri-Liberi): “Dopo mesi di chiusura della strada, con i conseguenti disagi alla comunità, la conclusione del cantiere ha prodotto un’evidente barriera architettonica. Il Comune di Piacenza dovrebbe esercitare un controllo maggiore sui lavori eseguiti da altre ditte. In questo caso l’opera è stata effettuata da Iren”.

LA REPLICA – A detta dell’assessore ai lavori pubblici Matteo Bongiorni, però, si tratta di una situazione temporanea: “Seppur errato, si tratta di un ripristino provvisorio comunque già segnalato a Iren Energia. Lo scivolo di accesso all’attraversamento pedonale nei pressi del semaforo tornerà al più presto quello che dovrebbe essere. Sulla zona, nell’ottica dell’opera di completamento, restano ancora da realizzare solo il ripristino del parcheggio interessato dal cantiere e la connessione del teleriscaldamento con la centrale della scuola di San Lazzaro. Un lavoro che interesserà via Cavalieri e che comporterà un semplice restringimento di carreggiata per alcuni giorni. Successivamente, sarà fatto un ripristino complessivo del manto stradale”.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2022 Editoriale Libertà